Warp & Weft

Warp & Weft Image
Metascore
80

Generally favorable reviews - based on 17 Critics What's this?

User Score
7.9

Generally favorable reviews- based on 7 Ratings

Your Score
0 out of 10
Rate this:
  • 10
  • 9
  • 8
  • 7
  • 6
  • 5
  • 4
  • 3
  • 2
  • 1
  • 0
  • 0
  • Summary: Produced by Tucker Martine, the ninth full-length studio release for the singer-songwriter features guest appearances from Neko Case, My Morning Jacket's Jim James, and members of the Decemberists.
Buy On
Score distribution:
  1. Positive: 15 out of 17
  2. Negative: 0 out of 17
  1. Uncut
    Aug 14, 2013
    90
    A work of lyricism and maturity, this is one of Veirs' finest yet. [Sep 2013, p.97]
  2. 85
    This is a creative and varied set of songs that spiral high and swoop low, sometimes both at once--and there isn’t a weak link amongst them. Mesmeric.
  3. Mojo
    Aug 14, 2013
    80
    The album's dozen essays zigzag with the same unpredictability as Veirs's vertiginous melody lines, everything united by her compellingly aerated vocal tone and Tucker Martine's deep focus production. [Sep 2013, p.88]
  4. Aug 19, 2013
    80
    Warp and Weft shows that there are many communications that form one big messy magnificence.
  5. Aug 22, 2013
    74
    The delicately chained unison of the guitar and vocal melodies makes for a standout passage in a record that feels fresher and sharper than we've heard from Veirs in awhile, and perhaps serves as the dark flipside of children's record Tumble Bee.
  6. Aug 19, 2013
    70
    Warp & Weft displays Veirs' sophisticated songcraft (though "America" falls short for its obviousness) is adorned by diverse textures, expert musicianship, and a generous use of space; it's almost almost perfectly balanced.
  7. Aug 19, 2013
    50
    A lot of the time Warp & Weft is just very slow, and whilst there are a couple of earworms to be turned up here and there, it's mostly pretty stodgy.

See all 17 Critic Reviews

Score distribution:
  1. Positive: 2 out of 2
  2. Mixed: 0 out of 2
  3. Negative: 0 out of 2
  1. Aug 24, 2013
    9
    I have loved Laura Veirs' songs from when the first one played on 2010s "July Flame." I like that this new album "Warp & Weft" has electricI have loved Laura Veirs' songs from when the first one played on 2010s "July Flame." I like that this new album "Warp & Weft" has electric guitars on it. I can immediately tell who is singing when I hear her voice which is unique like Joni Mitchell and k.d. lang's. Her songs are universal with titles such as "Sun King" and "Shape Shifter." They are inspired and tender indie songs which go to the heart. Any fan of Joni Mitchell, Laura Nyro or Patti Smith will like Veirs' music also. Expand
  2. Nov 29, 2013
    7
    Laura Veirs non una che sta con le mani in mano, visto che questo ormai il suo ottavo album, ma le nostre strade non si sono mai incrociateLaura Veirs non una che sta con le mani in mano, visto che questo ormai il suo ottavo album, ma le nostre strade non si sono mai incrociate forse perché poco ero attratto dal suo folk disturbato e sovente dissonante. Con il passare degli anni le forme si sono fatte più classiche in ‘Warp and weft’ le uniche due eccezioni sono le brevi ‘Ghost of Louisville’ e ‘Ikaria’ e un incrocio casuale mi ha portato all’ascolto di questo disco che, tra belle canzoni e calore diffuso, si rivelato un’assai gradita sorpresa. La musica di questa cantautrice del Colorado trapiantata a Portland funzionerebbe anche solo se eseguita solo con chitarra e voce, ma i suoni corposi che la rivestono la produzione del marito Tucker Martin la rendono ancora più immediata oltre a variare con abilità le tinte utilizzate. A propisto di marito: i dodici pezzi sono stati scritti e registrati durante la seconda gravidanza di Veirs e, anche al netto di qualche suggestione indotta, questa musica comunica una sensazione di tranquilla maturità in un momento di vita sereno. Si può così guardare con la giusta profondità anche alle tristezze che ci circondano si vedano a esempio le tristi vicende narrate in ‘Dorothy of the island’, ballata elettrica con uno svolgimento da 10.000 Maniacs, e in ‘Sadako folding cranes’ (sulla bambina di Hiroshima che pensava di salvarsi creando origami a forma di gru) oppure lo sguardo disincantato sul proprio Paese in ‘America’ unendo al meglio la sensibilità nel raccontare a brillanti scelte dal punto di vista musicale. Se le strutture sono folk, difatti, gli arrangiamenti sono quasi sempre corposi con un netto prevalere degli strumenti elettrici, in special modo la chitarra: se qua e là si esagera ‘Say darlin’ say’, ballata un po’ irrisolta nelle rimanenti occasioni l’intervento comunque calibrato anche quando il brano prende connotati più spiccatamente rock come in quella ‘That’s Alice’ dedicata, all’apparenza in maniera un po’ incongrua, alla figlia di Coltrane. Il jazz sta invece altrove: all’opposto rispetto alla diretta radiofonicità di questo pezzo (con tanto di assolo) c’è la conclusiva ‘White Cherry’ che si muove tra un sax fascinoso, uno stormire di piatti su di un insistito accompagnamento di pianoforte. Tra i due brani sono piazzati i due momenti più intimi del disco, la sopra citata ‘Sadako folding cranes’ (non certo allegra, ma di notevole effetto) e ‘Ten bridges’, due ballate che si svolgono in gran parte acustiche disegnate come sono su delicati arpeggi di chitarra, quasi a voler raffreddare un po’ l’atmosfera che si andata delineando nella prima parte del disco. Dove, tra una fuga chitarristica e l’altra, spicca sì il dolce crescendo di ‘Shape shifter’ che, tra dolce melodia e l’accompagnamento degli archi, si rivela immediatamente riconoscibile, ma dove la linea viene segnata soprattutto:dall’iniziale ‘Sun song’: a seguire un avvio acustico, si staccano prima una steel guitar e poi un’elettrica mentre alla voce carezzevole di Veirs si affianca quella meno convenzionale di Neko Case. I dodici brani che compongono ‘Warp and weft’ non ne faranno forse un disco epocale, ma lo rendono un luogo molto piacevole da visitare e dove si torna più spesso di quanto non si potesse pensare prima di conoscerlo. Expand